Progettazione e sviluppo di prototipi

Nel corso degli anni il Gruppo di ricerca Crop Protection Technology, in collaborazione con numerosi ditte costruttrici di macchine irroratrici ha progettato e sviluppato, tra gli altri, i seguenti prototipi e sistemi di distribuzione innovativi:

  • sistema elettronico di iniezione diretta del prodotto fitosanitario per barre irroratrici;
  • irroratrice in grado di adeguare la distribuzione alle caratteristiche dimensionali e vegetative del vigneto;
  • irroratrice in grado di regolare l’erogazione in funzione della pendenza del terreno;
  • irroratrice in grado di adeguare l’erogazione in funzione della presenza e della dimensione della pianta da trattare;
  • sistema automatico controllato da GPS in grado di ottimizzare la distribuzione in capezzagna;
  • prototipo di irroratrice ad aeroconvezione in grado di effettuare il trattamento fitoiatrico alle piante di actinidia allevate a doppia pergola irrorando direttamente anche il sotto chioma;
  • dispositivo per l’ottimizzazione del flusso d’aria prodotto dai ventilatori assiali;
  • irroratrice semovente in grado di effettuare una veloce, uniforme e mirata distribuzione dei prodotti fitosanitari alle colture protette con l’operatore sempre al di fuori del tunnel o della serra;
  • macchina operatrice in grado di effettuare un diserbo sia di tipo meccanico (tra le piante o i pali) che di tipo chimico (in corrispondenza della pianta) nel sottofila del vigneto.
  • banchi prova trasportabili per il controllo funzionale delle irroratrici in uso (barre, atomizzatori e lance).

Gallery Prototipi


Ricerche di base e sperimentazione in campo

Tali attività sono finanziate sia da Enti Pubblici (Regione, MIUR, ecc) sia da Privati attraverso contratti di consulenza (costruttori di irroratrici e componenti, produttori di prodotti fitosanitari, ecc..) e riguardano in particolare:

  • miglioramento della distribuzione dei prodotti fitosanitari alle colture erbacee, arboree ed in ambiente protetto con particolare riferimento alla corretta scelta dei parametri operativi (volume di distribuzione, velocità di avanzamento, velocità della corrente d’aria generata dal ventilatore, ecc..)
  • soluzioni per la riduzione della deriva;
  • sicurezza dell’operatore e dell’ambiente e degli astanti;
  • corretta gestione dei reflui dei trattamenti fitosanitari (acque di lavaggio della macchina irroratrice e dei contenitori vuoti, residuo nel serbatoio a fine trattamento, ecc..);
  • controllo chimico e meccanico delle infestanti nelle colture arboree
  • individuazione della dimensione delle gocce prodotte da differenti tipologie di ugelli e diffusori pneumatici impiegati sulla macchine irroratrici o su altri sistemi di distribuzione di miscele liquide;
  • verifica della relazione tra volume di distribuzione e Leaf Wall Area in vigneto;
  • verifica della ripartizione della miscela irrorata tra bersaglio, perdite a terra e perdite oltre il filare (spray mass balance);
  • valutazione di differenti soluzioni tecniche per la riduzione della dispersione delle polvere di concia da parte delle seminatrici pneumatiche.

Gallery sperimentazione in campo